Lo avevamo già anticipato la settimana scorsa che il GGG Lazio era atteso da molteplici ed onerosi impegni in questo fine settimana. Iniziamo subito ad occuparci dei Campionati Italiani Individuali Master svoltisi a Rieti dal 9 al 12 settembre 2021. Naturalmente dedicheremo specifici e doverosi spazi informativi anche alle altre manifestazioni che si sono sovrapposte in particolare tra il sabato e la domenica. Ci riferiamo, per la precisione al "CAMPIONATO REGIONALE INDIVIDUALE SU PISTA ALLIEVI/E + gare di contorno + TROFEO LAZIO DI PROVE MULTIPLE CADETTI/E – 3^prova" che si è disputato a Roma, Stadio Paolo Rosi. E poi la provincia di Viterbo che ha ospitato due manifestazioni. Ovvero la 13^ edizione del "Trofeo dei Falisci" classica competizione su strada di 9,8 km con partenza e arrivo a Civita Castellana. E, al Campo Scolastico di Viterbo il "Mennea day" e la 3^ Prova del Trofeo "Fulvio Villa"  di marcia. Ma torniamo ai Master. Tutti noi conosciamo la complessità di queste gare dovuta alla suddivisione in categorie per fascia di età dai 35 agli over 95 anni. Per quanto riguarda le corse poi i numeri si moltiplicano in ragione del fatto che per ogni raggruppamento di età si disputano più serie. Cosa regolarmente accaduta! Ed ancora, per il fatto che ogni atleta poteva partecipare a tre gare si è determinato un rapporto di "atleti/gara" che ha raggiunto la quota di 1600 unità. Tutto questo a fronte di una presenza costante tra i 55 e i 60 giudici di gara ogni giorno. Con una formazione massima di 65 giudici il sabato, giornata clou della manifestazione. Da sottolineare che la "forza giornaliera" dei giudici era composta da un "panel" fisso rappresentato dai Giudici designati direttamente dal nazionale, le figure apicali, e dai Giudici di tutte le provincie del Lazio. Con un abbondante ricorso alla rotazione cosi come era stato fatto in occasione dei Campionati Nazionali Allievi. Su questo aspetto vorremmo soffermarci un attimo. L'ambito operativo dei Giudici di Gara del Lazio è stato da sempre caratterizzato da un radicato provincialismo. Ovvero ogni gruppo operava, salvo rare eccezioni, nel suo territorio e basta. Questo determinava una forte sofferenza per i Gruppi nelle cui provincie si disputavano grandi numeri di gare ed anche ad alto livello. Mentre altri Gruppi rimanevano esclusi con un danno anche alla loro crescita professionale che si acquisisce stando in campo quanto più possibile. Un sentito ringraziamento ai Giudici dell'Umbria, della Campania e del Molise che hanno fornito un prezioso e valido supporto. Tutto ciò è stato possibile grazie ad una minuziosa e puntuale gestione della "forza lavoro" che ha trovato piena disponibilità da parte dei Colleghi Giudici. I quali hanno dimostrato spirito di abnegazione ma soprattutto grande professionalità ricoprendo più ruoli nell'arco della manifestazione secondo le necessità che venivano emergendo. Un pò come gli atleti, che hanno partecipato a più corse e/o concorsi, anche i Giudici non sono stati da meno. Realizzando performances di puntualità in termini di rispetto degli orari che hanno consentito di chiudere tutte giornate di gara in perfetto orario. Come detto in apertura daremo ampio e puntuale spazio alle notizie riguardanti i colleghi del GGG Lazio che hanno fatto i pendolari tra le loro sedi e Rieti apprestandosi poi ad essere presenti anche al "Paolo Rosi" di Roma e a Viterbo. Ed ora uno sguardo al futuro prossimo ci porta a Roma dove, il 19 settembre,  si terrà la “Acea Run Rome The Marathon”, 26^ Edizione della Maratona di Roma. Un grazie anticipato e buon lavoro a tutti i colleghi che vi prenderanno parte.

Bellissima e tradizionale foto di gruppo alla fine delle giornate di gara. Grazie a tutti e arrivederci di nuovo in campo!!!!!